Isaiah Sunganimoyo for Malawi

di Isaiah Emmanuel Sunganimoyo

I would like to convey my special thanks to Mr. Roberto Esposito and you all in Italy who felf it was important to donate towards my political campaign through the DeRev Crowdfunding. I really appreciate for your great contributions and good wishes.

However, the sad news is that I lost the elections. The elections had many irregularities which forced me and the other six concerned candidates, who also lost the elections in Dedza West Constituency, to file and submit a complaint to the Malawi Electoral Commission (MEC). We were seeking for a judicial justice to rerun the Elections. Unfortunately, the Malawi Electoral Commission denied to have fresh elections.

However, I would like to encourage you to keep on giving support to the people of Dedza West Constituency. The people of Dedza West are in great need of your help because they lack safe drink water, they lack school blocks for their children to access good education and they lack health care centers.

After campaign, I am now to focus on my voluntary association which is known as the "Sunganimoyo Orphans Relief Trust" and is abbreviated as "S.O.R.T."  It is a registered association with the government of Malawi. And it is also my big hope that the people of Italy will continue to help me and they will continue to raise funds to encourage education in my area through the Sunganimoyo Orphans Relief Trust (SORT).

Mr. Roberto Esposito and other few people in Italy will help to make a Website and advertise it. It is my hopeful plan to make a branch of my association in Milan and open a channel in Europe, with the help of Mr. Roberto Esposito so that you will be able to give or donate items easily.  

Thank you very much once again for your attention.
Stay blessed.

Yours faithful friend,
Isaiah E. Sunganimoyo
Dedza West, Malawi.


Quando mi hanno proposto di candidarmi alle europee, ho letto per caso che negli stessi giorni ci sarebbero state le elezioni nel Malawi, in Africa. E così una sera ho iniziato a cercare e a curiosare, scoprendo che il Malawi è una terra di contraddizioni: sfarzo e lusso da una parte, miseria e povertà dall'altra.

Ho scoperto che chi vive nel quarto Paese più povero al mondo - afflitto da carestie, siccità e dalla dilagante piaga dell'AIDS - ha la più bassa speranza di vita al mondo: solo 47 anni. Per la totale assenza di servizi sanitari, acqua potabile, educazione e diritti umani, morire di fame è all'ordine del giorno. Sono i bambini le principali vittime di questa povertà: il 50% è malnutrito e un bambino su otto muore prima dei cinque anni.

La gente si sveglia all'alba e va a dormire dopo il tramonto per difendersi dalla malaria, in case fatte con mattoni di fango e tetti di paglia. Di giorno, uomini e donne percorrono decine di chilometri alla ricerca di un qualsiasi lavoro o per andare nei mercati a vendere sale, mais, stracci e pesce essiccato, per poi tornare prima che faccia buio con secchi d'acqua sulla testa o cataste di legna sulle spalle.

Allora mi sono chiesto cosa avrei potuto fare candidandomi in Europa e cosa avrei potuto invece fare per il Malawi a 10.000 km di distanza. L'ho chiesto al mio amico Isaiah, e lui mi ha risposto che avremmo potuto portare la democrazia, dare una speranza, costruire il riscatto, creare un futuro. Ma per riuscirci non bastava la solidarietà occidentale, avremmo dovuto cambiare il Paese dall'interno.

Oggi la Repubblica racconta questa incredibile storia, nata come un gioco e diventata una "cosa seria". Perché in questi mesi abbiamo costruito una strategia politica, scritto il programma elettorale e raccolto i fondi con cui Isaiah è riuscito a comprare vestiti nuovi e un megafono, affittare una jeep e viaggiare attraverso i tanti villaggi del distretto di Dedza. E in ogni posto in cui si fermava, c'erano ragazzi che decidevano di lasciare i loro impegni per unirsi alla battaglia di Isaiah e proseguire il viaggio con lui, scortandolo in bicicletta in cambio di una t-shirt con il suo volto e una speranza nel cuore.

Oggi Isaiah è tra i favoriti per il popolo malawiano e potrebbe davvero vincere le elezioni. In questo momento è in viaggio: sta percorrendo 195 km con una bicicletta scassata che gli fu regalata da un missionario per raggiungere il suo collegio elettorale, dormendo sotto gli alberi e mangiando la frutta che trova lungo la strada.

Quello che potete fare voi "azungu", il nome con cui veniamo chiamati noi bianchi nella lingua locale chichewa, è condividere questa storia e finanziare la rivoluzione di un ragazzo e del suo popolo con una donazione su www.derev.com/malawi.

Non vi inviterò più a farlo e, quando tra pochi giorni terminerà la campagna di crowdfunding, manderò a Isaiah le ultime donazioni e i nomi dei suoi finanziatori. Lui farà stampare quei nomi su una piastra di metallo che nasconderà in casa, sotto al suo letto nella polvere di terra rossa, e poi si addormenterà stanco ma con il sogno di poterla appendere tra qualche settimana nel suo ufficio in Parlamento.




Distretto di Dedza (Malawi), 24 aprile 2019 – Tra meno di un mese, il 21 maggio 2019, nel Malawi ci saranno le elezioni presidenziali e i cittadini voteranno per eleggere il nuovo governo e il nuovo Parlamento del Paese. Tra i candidati per la corsa al Parlamento dello stato africano c’è Isaiah Emmanuel Sunganimoyo, 41enne sposato e con tre figli, che gestisce un’organizzazione nata per prendersi cura dei bambini orfani, facendoli crescere in condizioni dignitose e offrendogli un’istruzione per dargli la possibilità di ottenere le stesse opportunità di vita di tutti gli altri bambini.

Isaiah non è un candidato qualunque, e pur presentandosi come candidato indipendente senza nessun partito alle sue spalle per sostenerlo e senza aver mai fatto politica nella sua vita, oggi è tra i favoriti secondo i sondaggi ma soprattutto uno dei più amati e sostenuti da chi vive nei villaggi del distretto di Dedza. Al suo fianco (ma ad oltre 10mila km di distanza) c’è Roberto Esposito, l’imprenditore, blogger e autore cilentano – originario di Vallo della Lucania – già noto per aver fondato startup di successo come DeRev, Giffoni Innovation Hub e Forekeep, e seguitissimo sui social media (facebook.com/about.Rob e @RobertoEsposito85 su Instagram) dove con le sue iniziative virali è anche entrato nel Guinness World Records, inserito tra i Digital Democracy Leaders dal Parlamento Europeo e recentemente nominato nei 10 Italian Leaders.

Ma cosa c’entra Roberto Esposito con le elezioni politiche nel Malawi? Nulla fino a poche settimane fa, quando Roberto ha diffuso sul suo blog e sui suoi canali social un video (www.facebook.com/about.Rob/videos/514114792326745/) in cui annuncia di voler vincere le elezioni nel Malawi e che Isaiah Sunganimoyo sarà il suo candidato. Alle spalle dell’annuncio settimane di lavoro e discussioni in chat, come raccontato nel video, che hanno portato Roberto e Isaiah a stringere un’amicizia a distanza e a decidere di correre insieme per le elezioni: così, dopo la presentazione ufficiale della candidatura, i due hanno cominciato a lavorare insieme per progettare una strategia elettorale e un programma politico, con tutte le attività di propaganda e promozione necessarie a raggiungere la vittoria.

“Isaiah è diventato in qualche modo il mio ambasciatore della democrazia in Africa” racconta Roberto nel suo video, che ha già superato le 30.000 visualizzazioni. “Riflettendoci e parlandone insieme ci siamo resi conto che l’idea di candidarsi alle elezioni è probabilmente la strategia più efficace per riuscire a creare un cambiamento concreto, perchè solo in questo modo le leggi e le istituzioni del Malawi potranno riflettere gli ideali e gli obiettivi di democrazia che io e Isaiah condividiamo. E io credo di poterci riuscire con uno sforzo relativamente piccolo – continua Roberto – mettendo a disposizione di Isaiah e della sua campagna elettorale le mie idee e le mie strategie e il mio impegno.”

Neanche Roberto Esposito è un personaggio qualunque, a maggior ragione se parliamo di politica ed elezioni. Con la sua startup DeRev, infatti, negli ultimi anni ha affiancato leader ed esponenti politici di ogni schieramento, progettando e gestendo la strategia e la comunicazione di personaggi tra cui il vice Premier e Ministro Luigi Di Maio, il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, l’ex Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, l’ex Ministro dell’Economia Giulio Tremonti, l’ex vice Presidente del Parlamento Europeo Gianni Pittella, fino ad essere invitato lo scorso anno in Russia alla presenza del Presidente Putin.

E così, mentre nel Malawi Isaiah ha fatto stampare volantini, brochure e t-shirt con la sua faccia, in Italia Roberto ha lanciato una campagna di crowdfunding per raccogliere i fondi necessari a finanziare la sua candidatura: “Niente TV e social media – spiega nel video – ma acquistare un megafono, affittare una jeep e pagare il carburante con cui poter viaggiare e visitare i villaggi del distretto di Dedza con i suoi fidati collaboratori, salendo in piedi su una moto per farsi conoscere e spiegare al suo popolo che esiste una strada democratica e priva di corruzione per il riscatto e lo sviluppo del Malawi.”

Come reagirà il popolo del Malawi di fronte a questa innovativa e dirompente alleanza? Lo scopriremo il 21 maggio, intanto vi restano solo poche settimane per unirvi a questo progetto con un vostro contributo su www.derev.com/malawi.


La storia di Isaiah Sunganimoyo è già un successo! In 48 ore il video sulle elezioni nel Malawi è stato visto oltre 10.000 volte e la campagna di crowdfunding ha già superato il 100% del budget, raggiungendo l'importo minimo per consentire di comprare un megafono, affittare una jeep e pagare il carburante con cui lanciare la campagna elettorale.

Adesso comincia la parte più difficile di questa sfida: vincere le elezioni! Per riuscirci non bastano like e condivisioni, ma c'è bisogno anche di una vostra donazione. L'obiettivo economico della campagna è stato alzato da 500 a 1000 euro: con i fondi raccolti, Isaiah potrà portare avanti la sua campagna elettorale come candidato indipendente di Dedza fino al 21 maggio, giorno in cui si voterà per eleggere il nuovo governo e il nuovo Parlamento del Malawi.

Più donazioni si tradurranno in più villaggi che Isaiah potrà visitare, viaggiando con i suoi fidati collaboratori e salendo in piedi su una moto o sul tetto della jeep per spiegare al suo popolo che esiste una strada democratica e priva di corruzione per il riscatto e lo sviluppo del Malawi.

Vi invito a guardare e condividere il mio video su www.facebook.com/about.Rob/videos/514114792326745/, ma soprattutto vi chiedo di fare una piccola donazione. La prossima volta che ci vediamo offro io, e se il 21 maggio vinciamo le elezioni siete invitati per festeggiare in diretta con il Malawi!



€2.237

raccolti su un obiettivo di €1.000

63

finanziatori

Finanziato!

223% finanziato

Keep it all  

Campagna conclusa

Team

Isaiah Emmanuel Sunganimoyo, 41 anni, originario del Malawi. Ha studiato Computer science, filosofia e Teologia, mentre nel 2015 ha fondato l'associazione "Sunganimoyo Orphans Relief Trust" con cui si prende cura dei bambini orfani o abbandonati.


Ricompense

di almeno €50 o più


T-Shirt della campagna elettorale

T-Shirt Isaiah Sunganimoyo for the future of Malawi


Tempi di consegna:
Maggio/Giugno 2019

Spedizione:
Spedizione Italia
Spedizione UE

di almeno €100 o più


Video di ringraziamento di Isaiah Sunganimoyo

Video di ringraziamento da parte di Isaiah Emmanuel Sunganimoyo.


Tempi di consegna:
Maggio 2019

Spedizione:
Online

di almeno €250 o più


2 ore di consulenza di Roberto Esposito

Due ore di consulenza dedicata con Roberto Esposito in merito a qualsiasi progetto su startup e innovazione digitale, strategie di comunicazione, social media e marketing online.


Tempi di consegna:
Maggio/Giugno 2019

Spedizione:
Ritiro a mano

© 2017 DeRev S.r.l. - Via dei Mille, 1 - 80121 Napoli (Italia)
Codice Fiscale / Partita IVA: 07255501210
Capitale Sociale: € 18.890,00 - REA: NA - 871554